La laurea in giurisprudenza vale all’estero...

[ tutte le immagini saranno scelte sulla base del vostro target di riferimento ]

La laurea in giurisprudenza vale all’estero...

Requisiti e condizioni di validità ed efficacia del titolo di studio di dottore in legge: differenze di regime all’interno e fuori dall’Ue sbocchi professionali

La laurea in giurisprudenza vale all’estero...

Condividi

Un vecchio detto ancora in voga dice che la laurea in giurisprudenza «apre tutte le porte». Un tempo sicuramente era così; ma è vero ancora oggi? Il mondo del lavoro è cambiato profondamente negli ultimi decenni. C’è sempre più richiesta di specializzazione e la globalizzazione richiede un cambiamento di mentalità ed anche di mobilità. Bisogna spostarsi: il lavoro sotto casa non esiste quasi più. Molti neo-laureati brillanti sono costretti ad andare all’estero per trovare un’occupazione adeguata alle loro capacità. È il fenomeno tristemente noto come «la fuga dei cervelli»; prima riguardava solo il settore scientifico, adesso si è esteso anche alle professioni legali ed economiche.

Così molti studenti universitari – e anche alcuni professionisti già abilitati – vorrebbero sapere come è riconosciuto – e quanto è spendibile nel mondo del lavoro – il titolo di studio che hanno conseguito o stanno per prendere e si chiedono: la laurea in giurisprudenza vale anche all’estero?

Per dare una risposta completa bisogna distinguere innanzitutto in base al Paese in cui si è intenzionati a far valere il proprio titolo di studio. All’interno dell’Unione europea la laurea in giurisprudenza conseguita in uno Stato membro è riconosciuta valida anche dagli altri ed è perciò utilizzabile in molti ambiti. Tuttavia, chi ha già ottenuto il riconoscimento della propria qualifica professionale – ad esempio un avvocato abilitato in Italia – incontra dei limiti se vuole esercitare l’attività all’estero. Anche in questo caso l’appartenenza all’Unione Europea aiuta molto, perché esiste una normativa che semplifica il riconoscimento e favorisce l’inserimento e l’esercizio della professione negli Stati membri.

Chiaramente, bisogna conoscere bene il diritto del Paese di destinazione, quello nel quale si intende stabilirsi, e questo vale sia per chi ha già la laurea, o è in procinto di conseguirla, sia chi già lavora con essa e con il successivo titolo, professionale o accademico, acquisito. Ma procediamo con ordine e analizziamo i vari casi per sapere se e a quali condizioni la laurea in giurisprudenza conseguita presso un’università italiana vale all’estero.


Condividi

Marzo 2022 © laleggepertutti.it

Plan responsive web design by Qrely.com

scegli la tua idea di digitale
scegli la tua idea di digitale tra tante proposte responsive web design

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook page

Plan responsive web design by Qrely.com


Precedente


Viviamo un mondo meraviglioso

Il vostro nuovo web prêt-à-porter