Essere primi in Google

Essere primi in Google

Una delle domande più frequenti che qualsiasi proprietario di un sito web si pone è proprio questa: come essere nella prima pagina in Google superando tutta la concorrenza?

Google

Condividi su


In 25 anni abbiamo sentito di tutto: dall’inserimento dei meta tag a società (o pseudo tali) che garantiscono il posizionamento SEO nelle prime pagine di Google nell’arco di qualche settimana, fino al: cognato della sorella del cugino che ... ci penso io!

Legende metropolitane a parte, se negli anni ’90 alcune tecniche: meta tag, parole chiavi, funzionavano, oggi non è più così!

Google (114.096 dipendenti fonte: 2018) ha decine di migliaia di analisti programmatori che, quotidianamente, elaborano nuovi "logaritmi di espressione". I crawler (detti anche spider o robot), programmi software che analizzano i contenuti di miliardi di siti web in modo metodico e automatizzato (big-data o megadati), forniscono un punteggio basato sulla "qualità" che prevede migliaia di parametri: dalla media e frequenza degli aggiornamenti effettuati, alla quantità di notizie pubblicate; dalla corrispondenza degli argomenti trattati, all’analisi delle didascalie sulle immagini pubblicate, alla frequenza e quantità delle pagine visitate. Tutto questo concorre al posizionamento organico sui vari motori di ricerca. Più il sito ha una reputazione alta nella: quantità / qualità / corrispondenza degli argomenti trattati, più si ha la possibilità di essere nelle prime posizioni su ricerche specifiche di potenziali clienti interessati ai vostri prodotti o servizi.

Google sa tutto di voi, fin da quando pubblicate il vostro primo sito web e sicuramente non è una società NOT-PROFIT... pensare che c’è una scorciatoia un escamotage per riuscire a by-passare i sistemi di controllo è semplice fantasia.

C’è un modo SICURO e CERTO per essere non solo nella prima pagina di Google ma addirittura nella prima posizione su alcune delle vostre parole chiave, fin da subito. Ed è anche legale: Pagare Google, il prodotto si chiama Ads (AdWords), e si basa "semplificando" sull’acquisto all’asta di parole chiavi. Più paghi più sei visibile, ma attenzione il momento che non si paga si ritorna esattamente alla pagina n. 168568...668 insomma, non si esiste.

Un proverbio popolare dice: a pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca!

Partendo dal dato oggettivo che Google è un’azienda PROFIT, quale è il loro vantaggio se una volta pagata una o più campagne Ads si arriva, visto il traffico che verrà generato, nelle prime pagine del motore di ricerca in maniera organica? non pagheremmo più le campagne Ads e raggiunto il nostro obiettivo. Naturalmente questa discriminazione è ufficialmente smentita da Google, ma noi "crediamo" che le campagne Ads non vengano calcolate nel ranking SEO e quindi non contribuiscano in alcuna maniera al posizionamento, se vogliamo pensarla senza fare peccato, altimenti dovremmo pensare che addirittura penalizzino il posizionamento.


Condividi su


Luglio 2021 © [Q]rely

[Q]rely | digital creatives web agency
digital creatives web agency

Vuoi realizzare un nuovo progetto, o pensi di fare un restyling del tuo sito web?

Inviaci un messaggio su WhatsApp , o una richiesta di informazioni tramite il modulo, oppure contattaci al numero +39.339.3052.300. Contattarci è semplice e non costa nulla.



WebCreative Portfolio
1996-
YEARS OF EXPERIENCE ICT

Seguici nella nostra pagina Facebook. Premi MI PIACE e non perderai più nessuna notizia.

Facebook page


Precedente


Inviaci un messaggio su WhatsApp saremo lieti di rispondere alle tue richieste. Oppure chiamaci al numero +39.339.3052.300 e raccontaci il tuo progetto, ti aiuteremo a realizzarlo.
INVIACI UN MESSAGGIO CONTATTACI
Preventivi gratuiti e senza alcun impegno

Digital Creatives Web Agency